Il metodo BIIO (parte I)

Dopo aver letto il capitolo dedicato al “metodo BIIO” nel libro Il circolo virtuoso del benessere di Fabrizio Duranti, ho lasciato passare quasi due anni senza prendere in considerazione l’argomento.

Sono uno che corre, io, – mi dicevo – non posso perdere tempo con i pesi e il potenziamento dei muscoli, tanto più che se aumenta la massa muscolare magari c’è il rischio che aumenti anche il mio peso, magari rischio di sentirmi appesantito, legato…. Pensieri sbagliati in libertà.

Ho ripreso in mano il libro e ho riletto il capitolo. E mi sono convinto che questa strada non è da trascurare.

Come tutte le cose che fanno bene, l’elenco dei motivi per cui fa bene seguire il metodo BIIO sono tantissimi. Divido questo mio intervento in due articoli. Prima di dedicarmi a una sintesi delle tecniche alla base del metodo BIIO, quindi, faccio un elenco degli ambiti in cui l’attività con i pesi ha efficaci e documentati effetti positivi. In questo elenco non approfondisco le spiegazioni, perché chi vuole capire a fondo può leggere i libri di riferimento che citerò qui. Vi basti sapere che, nei libri, ogni concetto che riporto qui è spiegato con evidente chiarezza. Quindi se volete documentarvi di persona, leggete i libri. Altrimenti: fidatevi di me che li ho letti!

— — — — — — —

Gli ambiti in cui il body building ha un’importanza cruciale sono:

Dimagrimento
L’attività con i pesi aumenta la velocità del metabolismo e aumenta la massa magra (i muscoli sono massa magra) aiutando l’organismo a ridurre naturalmente la massa grassa.

Difese immunitarie
E’ documentato che l’attività muscolare intensa per periodi inferiori a un’ora è in grado di aumentare l’efficienza delle nostre difese immunitarie. Allenamenti di durata superiore, troppo frequenti e affiancati anche da attività aerobiche rischiano al contrario di indebolire il sistema immunitario. Quindi: metodo BIIO e via!Autostima
Più che la corsa e gli altri sport, la forma fisica che si raggiunge praticando l’attività con i pesi è in grado di darci maggiore forza e resistenza alla fatica, caratteristiche che, associate a un aspetto fisico migliore, sono in grado di aumentare la fiducia nelle nostre possibilità e quindi l’autostima.

Efficienza cardiovascolare
Il lavoro con i pesi è in grado di rafforzare l’efficienza del muscolo cardiaco e porta inoltre ad accrescere la vascolarizzazione. Quando i muscoli lavorano intensamente il nostro organismo crea nuove strade – i vasi sanguigni – per portare nutrimento al loro lavoro e inoltre aumenta la capacità di trasporto di tutto il sistema circolatorio, migliorando l’ossigenazione dell’organismo.

Tessuto connettivo e articolazioni
Il lavoro intenso basato sull’attività con i pesi, stimola il movimento delle articolazioni, favorendo il ricambio cellulare e la loro efficienza.

Invecchiamento
L’attività di body building (ricordiamoci che la traduzione è “costruzione del corpo”) consente di contrastare l’indebolimento generale dell’organismo che si manifesta già a partire dai 30 anni. Considerando che uno tra i problemi più rilevanti per le persone oltre i 60 anni è l’indebolimento causato dalla naturale perdita/demolizione della massa muscolare, l’attività di potenza con i pesi ha l’effetto di CREARE nuova massa muscolare, contrastando quindi i naturali processi di decadimento e migliorando la qualità della vita e della nostra forza.

Osteoporosi
Diffusa soprattutto tra le donne, l’oseoporosi si manifesta con progressiva evidenza soprattutto dopo la menopausa, periodo durante il quale le donne possono arrivare a perdere anche il 30% della massa ossea. L’attività con i pesi incrementa, tra le altre cose, l’attività ormonale. Questo consente di aumentare i fattori di protezione contro la demineralizzazione ossea.

Attività ormonale e sessualità
L’attività con i pesi ha una diretta correlazione con il potenziamento dell’attività ormonale, stimolando la produzione di testosterone e di ormone GH (quello della crescita). Il meccansimo è questo: il bod7y building stimola la produzione di testosterone, a sua volta direttamente coinvolto nei processi di produzione dell’ormone GH. Quindi se il testosterone ha diretta rilevanza nell’ambito dell’attività sessuale e della libido, l’ormone GH è quello che viene progressivamente a mancare con il passare degli anni. Stimolarne la produzione significa contrastare gli effetti negativi dovuti alla sua mancanza e significa inoltre supportare la produzione di ossido nitrico, responsabile della regolazione del flusso di sange e aria nei polmoni, in grado di aumentare la forza fisica, favorire la crescita dei capelli, neutralizzare virus e batteri e distruggere le cellule del cancro.

Forza, velocità e potenza
L’attività con i pesi è in grado di migliorare la velocità: l’allenamento dei velocisti di oggi e anche dei calciatori tiene in grande considerazione l’attività con i pesi, in grado di aumntare lo scatto e la velocità.

Flessibilità
Per sfatare un altro mito, non è vero che una muscolatura molto marcata riduce la flessibilità. Un muscolo tanto più è in grado di rilassarsi quanto più è forte. “Forte” non significa quindi contratto o irrigidito.

— — — — — — —

La carrellata che ho appena riportato segue e sintetizza il contenuto del capitolo dedicato al Metodo BIIO scritto da Caludio Tozzi per Il circolo virtuoso del benessere.
Nel prossimo intervento descriverò sinteticamente che cos’è il metodo BIIO, una strategia di allenamento in grado di aiutarci a raggiungere effetti molto interessanti con un allenamento alla portata di tutti (bastano 2 sedute alla settimana della durata di un’ora – e la terza settimana, addirittura, ci si riposa!).

Marco di supersalute.com

Annunci

Un pensiero su “Il metodo BIIO (parte I)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...