Giornate alla frutta (il giorno dei frugivori)

Finalmente è arrivata la stagione che consente di sperimentare le giornate disintossicanti “a sola frutta”. Quando arrivano albicocche e pesche mi viene più facile decidere di mangiare soltanto frutta per uno o due giorni. Spedita la famiglia al mare, quindi, eccomi pronto a cimentarmi con il primo tentativo a sola frutta della stagione.

Leggendo l’articolo dedicato alla disintossicazione sarà più facile capire di che cosa sto parlando. Ma qui, sul blog, consentitemi di diramare un appello: aiuto! Sono al termine della prima giornata passata mangiando solo frutta e vorrei iniziare la seconda, ma sento già che sto per cedere. Certo, la mia forza di volontà è sempre stata in grado di portarmi fino al termine del secondo giorno mangiando solo frutta, ma questa volta è dura, non ho fatto la spesa come si deve, quindi non ho la frutta secca (che aiuta tantissimo – direi che è vitale: sgranocchiare tre quattro gherigli di noci o qualche mandorla rende tutto più semplice!) e nemmeno le indispensabili banane. Per non parlare della frutta disidratata. Ho iniziato la mia pausa disintossicante a sola frutta avendo a disposizione soltanto albicocche, mele e arance.

Le strade sono due: o si cede già alla colazione del secondo giorno o si decide di passare dal fruttivendolo vicino all’ufficio anche se non ha frutta biologica… Che fare?

Marco frugivoro Morello di supersalute.com (e superfame.org)

Annunci